Dimostrazione per assurdo (per silvia appunto 2)

Punta apicale dello sguardo e del mostrarsi,

un’accondiscendente modo, un angolo visuale,

una gamma imprevedibile di assunti:

ipotesi al dolore, se ripenso,

se quel bel gattonare è un alito di vento.

L’orma felina di un passato, il rantolo dolente

di una cucciola malata, che al sole è tolta

che al battito di luna è consegnata.

Ipotesi sorpresa: si tratta di uno sguardo  sul futuro,

possibile cattura di quel bell’ animaletto:

svestito, ispezionato, segregato a dismisura.

Ipotesi per gioco: è l’occhio terzo,

che vincolato fotografa e conserva,

rimescola le carte e si compiace

senza potere alla sua vita donar pace.

E per assurdo, ipotesi di resa, togliere il velo alla tristezza

e dare spazio  ad una mano che solleva e imperativo ne ordina la resa.

E resi vengono, alla gattina, il soffio e il morso,

rimessa in vita la sua coda di rimorso.

Onda perversamente casta e accarezzata,

in  volto,  in corpo,  sentimentale e fibrillata.

Annunci

2 pensieri su “Dimostrazione per assurdo (per silvia appunto 2)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...