Sassi

ob_2d6044_fille-sur-le-pont-1999-13-g1
(Patrice Leconte, La ragazza del ponte)

Quell’essere gettati comincia da se stessi

e non ha proprio nulla dello spessore filosofico

di cui vorremmo farci vanto. E’ solo un sasso nello stagno,

che desertificato l’io, si scaglia, per poi lasciarsi andare.

E scivolare irresponsabile, compiuto il gesto di scagliarsi,

contro se stessi, e poi nel mondo, dove si sa,

le voci stanno, tutte attutite in lungo e in largo, 

e noi davvero non riusciamo più a resistere al rumore.

 

Per questo, ci lasciamo ricadere e forse un po’ speriamo

che ci sia mano di bambino o innamorato in cerca di pietruzze, 

che ci raccolga  e ci nasconda in un sacchetto, prezioso sassolino,

o nello spazio di un taschino, cuore in mano.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...